Le piste ti annoiano? Prova il freeride a Livigno!

Come gli appassionati sanno bene, a Livigno le piste non mancano. Questo piccolo comune in provincia di Sondrio, in effetti, presenta ai discesisti una proposta molto eterogenea, con decine di tracciati adatti sia ai neofiti che agli esperti, e qualche perla rara come la Giorgio Rocca e la Sponda Fis. Ma si sa: ai professionisti, quelli bravi davvero, le piste dopo un po’ vengono a noia. È probabilmente da un presupposto del genere che nacque il freeride, quella disciplina a metà tra sci alpino e scialpinismo improntata al contatto totale con la natura, e inseguita da chi intende provare il più puro senso di libertà.

Certo, il fuoripista non è cosa da tutti. Prima di approcciarsi alle discese sulla neve fresca, è importante tenere a mente le precauzioni base: seguire i consigli di una guida alpina (magari dopo aver partecipato a un corso apposito), pianificare in anticipo il percorso da seguire, dotarsi dell’indispensabile e obbligatoria attrezzatura di soccorso (ARTVA, pala e sonda, oltre che GPS e zaino air-bag) e consultare in anticipo le condizioni meteo e il bollettino valanghe. Sia il sito di Carosello 3000 che quello del Mottolino monitorano costantemente la situazione: i dati sono pubblici e il servizio è gratuito, quindi tenetevi sempre aggiornati.

Fatte queste premesse, sappiate che Livigno è perfetta sia per gli atleti già versati nel freeride che per quelli che intendono approcciarsi alla disciplina per la prima volta. Detto dei corsi tenuti dalle guide alpine locali, esistono due aree apposite a basso rischio: si chiamano Freeride Approaching Areas, sono completamente circondate dalle piste e presentano un terreno uniforme. Si trovano a Carosello 3000, vicino alle stazioni d’arrivo delle seggiovie Fontane (19) e Federia (14). Chi cerca emozioni maggiori, comunque, non resterà deluso: il livello di difficoltà sale per i percorsi backcountry e diventa davvero impegnativo se si sceglie di sciare sulle vette che circondano la valle. Le esperienze di freeride sono disponibili su entrambi i comprensori: consultate questo video per avere maggiori informazioni. Inutile dire che conoscere il territorio, qui, è fondamentale. E la strada per diventare dei professionisti della disciplina è tortuosa quanto le montagne, ma ne vale la pena: il fuoripista significa fusione totale con la neve, il bosco e la natura. Se volete provare cosa rende le Alpi Retiche così speciali, la sezione Alberghi a Livigno su Expedia vi permetterà di affittare le stanze di tutte le migliori strutture della zona. Vicine alle piste, oppure no: alla fine a voi non interessa, giusto?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *